Cronaca sindacale

Potenza: Protesta dei cittadini di Potenza contro l’eolico

Siamo al fianco dei cittadini lucani che protestano contro l’eolico selvaggio. Siamo al fianco dei cittadini di Piani del Mattino a Potenza costretti a fare ‘le guardie’ pur di difendere le loro case e tutelare la loro salute.   

Non da oggi. Ma da sempre. Adesso, però, è giunto il momento di parlare chiaramente. È il caso che la politica che ha consentito tutto ciò si assuma le proprie responsabilità.

Abbiamo cercato di far approvare alcuni emendamenti al Piano Energetico Ambientale Regionale, che è il piano che individua le aree idonee all’installazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili. Abbiamo chiesto una moratoria attraverso la previsione di vincoli più stringenti.

Nel silenzio generale, le Amministrazioni comunali e il Governo regionale hanno invece avallato l’eolico selvaggio. Ricordiamo come l’ex Assessore Berlinguer, ad Aprile 2015 e, successivamente, nella seduta della III Commissione del 23 Maggio 2015, sentito in audizione, ci comunicò che gli Uffici regionali avevano approntato uno studio che “individua nel territorio regionale un numero di aree non idonee che quasi coincide con l’80% della superficie”. Tuttavia, poiché erano stati presi ‘impegni’, dal Dipartimento Attività produttive, per la costruzione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili in aree che il Dipartimento Ambiente considera non idonee, per il rispetto di quegli impegni non si poteva fermare nulla. Quello stesso Dipartimento di cui era Assessore Marcello Pittella, ora Presidente della Regione.

E allora, signori, di cosa stiamo parlando? Di cosa parlano i politici di centrosinistra quando solidarizzano con i cittadini scesi in piazza? Del nulla. Sono solo atteggiamenti di facciata per ‘apparire’.

Finiamola di credere a questa gente che davanti imbonisce le folle, ma, nel chiuso del palazzo, obbedisce ad altri ‘interessi’. Finiamola di dare ascolto ad una classe politica bugiarda e menefreghista. Buona solo a passerelle e strette di mano.

Nei fatti, cari Lucani, sappiate che nessuno ha mosso un dito per tutelare salute e territorio. Nessuno di questi signori che, oggi, a suon di comunicati stampa, cercano di raccattare voti. Se la politica che governa vuole realmente aiutare, revochi le autorizzazioni e ponga seri limiti alla concessioni. Altrimenti sono solo chiacchiere.

Siete la peggiore classe politica degli ultimi vent’anni. Speriamo che finalmente se ne accorgano anche i Lucani.

Gianni Rosa, Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale